Un motivo ci sarà

 

Il Castello Reale di Racconigi, villeggiatura estiva dei re d’Italia fino all’avvento della Repubblica, è una delle Residenze Sabaude più amate dal pubblico, con il suo parco di 180 ettari, il lago, la Margaria e le Serre neogotiche sulle quali, ogni primavera, ‘osano’ le cicogne. A Pollenzo, cara a Carlo Alberto, sono nati la moderna agricoltura del Piemonte e i grandi vini che oggi possono essere conosciuti e degustati nella Banca del Vino. Circondata da boschi, sentieri per il trekking e straordinarie vedute, la Certosa di Casotto, è celebre per i maestosi interni e il ‘cucinone’, in cui ancor’oggi sarebbe possibile sfornare il Pane del Re. Il Castello di Govone è visibile già da molti chilometri di distanza perché domina dalla sommità della collina l'ampia valle del Tanaro. Distese di tulipani selvatici sulla stessa collina abbagliano gli occhi e ‘straniano’ il paesaggio. Potremmo continuare, ma è meglio che lo facciate voi stessi. Di persona. Tutto questo per dire, semplicemente, che se le residenze della Casa Reale dei Savoia sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, un motivo ci sarà.

Dove soggiornare
Soggiorno Reale Terre Autentiche Tavole Regali Mestieri E Prodotti Reali
 
Residenze SabaudeResidenze Sabaude