Richiedi Info vai al dettaglio
Tipico «borgo di sommità», Santa Vittoria d'Alba con il castello e la torre domina la piana del Tanaro su cui si estendono boschi e vigneti. 

Il suo territorio spazia dalla pianura della valle del Tanaro alle ripide “rive” del colle, ai dolci pendii ricoperti di vigneti, noccioleti e boschi. Potete percorrerli in allegra compagnia l’ultima domenica di maggio con la passeggiata su e giù per i colli. Ogni tappa una portata e, alla fine il menù è completo: dall'aperitivo al dolce.

Giugno delizia, invece, con la Sagra degli agnolotti del Plin. Per chi non li conoscesse, sono i caratteristici agnolotti "pizzicati" fatti con pasta all’uovo e ripieno di carne arrosto.

Santa Vittoria veste l'abito della festa la prima settimana di settembre per la Sagra del Moscato, in occasione della Festa Patronale, e nessuno può rimanere escluso dall'evento mondano per eccellenza dell'anno. Santa Vittoria tra dicembre e gennaio riacquista la sua atmosfera più intima e magica diventando il Paese Natale. Vie, piazze e angoli suggestivi diventano le tappe di un "presepe del territorio" con moltissimi presepi, nel centro e nelle frazioni: Cinzano, Gottini, Lussi, Piana-Guriot e Valentino.
 

Video: Memorie di gesso












 
LuoghiLuoghiLuoghiLuoghi