Una rete di beni culturali e paesaggistici accomunati da un forte e significativo legame con il territorio: ecco il concept del progetto Essenza del territorio, avviato dall’Associazione Le Terre dei Savoia e dall’Associazione Culturale Conservare per Innovare – CXI, e finanziato dalla Compagnia di San Paolo che lo ha selezionato tra oltre 180 proposte.

L’obiettivo principe è quello di favorire lo sviluppo di un sistema integrato tra patrimonio culturale ed economia locale; lo strumento sarà una rete di paesaggi, giardini e coltivi che si caratterizzano per la coltivazione di erbe aromatiche, di piante officinali e di colture orto-frutticole di antica tradizione, già rappresentativi dell’identità culturale del luogo, ma che chiedono di essere valorizzati e messi in relazione l’uno con l’altro. Il recupero di alcuni beni paesaggistici e architettonici assolverà così una doppia funzione: diventando poli di attrazione culturale e turistica, essi costituiranno anche, infatti, una vetrina d’eccezione per la promozione di prodotti e imprese del territorio.

Le azioni del progetto si concentreranno su quattro luoghi storici nel cuore agricolo del Piemonte, in quell’area che costituì la naturale espansione dell’economia del casato sabaudo a sud di Torino:

  - Parco Archeologico di Augusta Bagiennorum: in un’area di altissimo pregio archeologico e naturalistico, posta ai margini di quella che fu una delle principali città romane della zona. Qui, all’interno della corte della Cascina Ellena, è nato l'ORTO ROMANO un Giardino della casa romana (Ornamental Kitchen Garden), in cui le specie specie botaniche sono state scelte in base alla ricostruzione filologica della flora antica. Leggi tutto
 

  - Castelli Tapparelli d'Azeglio di Lagnasco: nell’area interna  alla cinta muraria della manica di ponente sarà realizzato un Giardino didattico delle essenze sul modello del giardino rinascimentale, ispirato all’affresco cinquecentesco presente all’interno della manica di levante dei Castelli stessi. La coltivazione di erbe aromatiche, di piante officinali e di colture orto-frutticole andrà a riproporre il tema del giardino con scopi produttivi. Leggi tutto

 - Il parco del Castello di Racconigi, sede per due secoli dell’azienda agricola della «Real Casa», fondata da Carlo Alberto nei primi decenni dell’Ottocento, in un clima di grandi sperimentazioni agricole – che portarono a rendere auto-sostenibile la grande proprietà e determinarono scambi economici, culturali e sociali con tutte le principali Corti Reali europee dell’epoca – è stato interessato da alcuni interventi di manutenzione straordinaria finalizzati, a garantire la qualità dell’offerta turistica della residenza sabauda.L'intervento ha portato alla nascita del Giardino delle peonie.


Parallelamente a questi interventi, due programmi contribuiranno a incrementare la conoscenza dei luoghi coinvolti, e a far emergere il forte radicamento territoriale dell’iniziativa:
Cantierando l’ESSENZA, che prevede un fitto calendario di visite-studio, laboratori tematici, workshop e incontri nei siti interessati dagli interventi, e EsSENZA WEB, una piattaforma digitale fruibile da smartphone e tablet, che suggerirà percorsi di conoscenza del territorio e approfondimenti culturali.



Progetto Essenza del Territorio per CXI
Coordinamento generale: Marialuce Reyneri di Lagnasco
Coordinamento Comitato Scientifico e Valorizzazione: Mirna Irene Colpo
Coordinamento comunicazione e valorizzazione: Manuela Ghirardi


L’iniziativa Essenza del territorio, una rete per le vie sabaude dei profumi e dei sapori si muove parallelamente al progetto transfrontaliero Officina Aromataria, promosso dall’Associazione Le Terre dei Savoia per la valorizzazione dell’artigianato alimentare e dei prodotti naturali per il benessere e la cura della persona.
 

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LE PUBBLICAZIONI DEL PROGETTO

 

Progetto realizzato con il contributo della Compagnia di San Paolo

 
Essenza del Territorio